Una primavera in Grecia
Una primavera in Grecia

Una primavera in Grecia

Prezzo di listino $19.93 Risparmia $-19.93
/

Solo 0 rimasti in stock!

Al principio della Primavera del 1906, il giovane Tumiati s’imbarca da Brindisi a bordo dello Scilla alla volta della Grecia con l’intento di trovare conferme alla propria concezione artistica ed estetica.

Un libro narrato a tratti con toni da futurista nell’esaltazione delle veloci escursioni in bicicletta, o con accenni patriottici come nella cronaca sportiva in “diretta” dei Giochi Olimpionici intermedi, svoltisi ad Atene (22 aprile – 22 maggio 1906), o con considerazioni filosofiche di tipo nietzschiano sulla guerra e la bellezza. Tumiati è conoscitore della lingua greca di cui fa largo uso, si aggira in un territorio utilizzando diversi mezzi di locomozione: attraversa a cavallo il Taigeto, l’Elicona, il Parnasso, viaggia in treno dal Peloponneso ad Atene, descrive gli aspetti dei centri urbani, scoprendo in Tessaglia, la cittadina di Larissa, “la città delle cicogne”; dorme nei vecchi conventi, descrive cibi e bevande, le processioni di Pasqua e gli antichi rituali, rievoca luoghi e vicende della guerra d’indipendenza greca, conversa con pastori, pescatori, contadini, famiglie, giornalisti e diplomatici. Si spinge in Turchia raccontando di una insolita Costantinopoli.

Preziosi i capitoli relativi al Monte Athos in cui entra in contatto coi monaci, annotando della vita, delle funzioni religiose, delle peculiarità architettoniche e artistiche dei monasteri; da leggere tutto d'un fiato è poi il racconto di una visita ad una Salonicco ancora non appartenente al territorio greco (diventerà greca nel 1912), durante la quale annota le istanze degli irredentisti, i tratti della sua cosmopolita popolazione, l’apprezzabile presenza ebrea e la sua economia che annovera importanti imprenditori italiani come Allatini.

L’antico ed il moderno del paese si incontrano e si scontrano nelle pagine di Tumiati, sorprese, talvolta appagate, spesso dubbiose. Pur cedendo in qualche pagina alla retorica della celebrazione dell’antico, non rinuncia, il Tumiati, a trovare spunto per nuove forme di estetica e di poesia riscoprendo in cose umili, popolari e nella sua natura una forza evocante quella bellezza che il paese, forse ignaro, aveva conservato.

 

Autore: Domenico Tumiati
Pagine: 188
ISBN: 978-618-5329-62-4
Anno di pubblicazione: 2021
Lingua: Italiano