Monemvasià: la signora del mare

Monemvasià: la signora del mare

Prezzo di listino $16.61 Risparmia $-16.61
/

Solo 0 rimasti in stock!

“Una roccia a picco - tutto il giorno a bere il solleone,
a trattenerlo nelle viscere di fronte al mare,
e tu con la schiena appoggiata alla roccia, con il petto
aperto verso il mare, - per metà fuoco, per metà rugiada,
tagliato obliquamente, doppio, in un’unica lotta
per unire l’acqua con la pietra”.

Le parole del grande poeta Giannis Ritsos, che qui nacque nel 1909, condensano con l’affascinante sintesi che solo la poesia sa creare la natura ambigua e intrigante di Monemvasià: un promontorio a picco sull’Egeo, baluardo del Peloponneso, che vive della precaria armonia degli opposti: l’azzurro del mare e l’ocra delle tegole, il grigio della montagna e il blu del cielo, la verticalità della roccia e l’orizzontale pianura marina, la scabrosità della pietra e la delicatezza dei fregi bizantini. È la “perfetta armonia degli opposti” di cui parlava il filosofo Eraclito, è l’armonia dell’arco e della lira.

Monemvasià è un palinsesto di stili e di epoche. In poco più di un chilometro quadrato convivono e dialogano millecinquecento anni di storia. Bizantini, Veneziani e Ottomani si sono contesi per secoli questo sperone di roccia, l’hanno decorato di chiese e di edifici sontuosi, di mura e di torri; l’hanno scavato in un labirinto di strade e di vicoli, di scalinate e di vòlte, l’hanno ammirato, adulato, desiderato, conquistato, perduto.

Questo libro si cimenta nella difficile impresa di ripercorrere in sintesi questi venticinque secoli di storia, attraverso i documenti, le testimonianze artistiche, le tradizioni orali, per ricostruire l’immagine di un borgo che si meritò, fra i molti altri, l’appellativo di “Signora del mare”.

 

Autore: Massimo Cazzulo
Pagine: 244
ISBN: 978-618-5329-64-8
Anno di pubblicazione: 2021
Lingua: italiano
Fotografie e immagini: si